Grigna Meridionale - Torrione Pertusio - Ustionando

Schede primarie

Grigna Meridionale - Torrione Pertusio - Ustionando

Grigna Meridionale - Torrione Pertusio - Ustionando
Difficoltà: 
6a
Sviluppo: 
130m
Gruppo Montuoso: 
Prealpi Lecchesi
Località di Partenza: 
Piani Resinelli (Mandello del Lario , LC )
Quota di Partenza: 
1180m
Quota di attacco: 
1440m
Punti di appoggio: 
Rifugio Porta
Quota di vetta: 
1557m
Avvicinamento: 
40'
Tempo di salita: 
2h
Tempo di discesa: 
50'
Esposizione: 
Sud-Est
Tipo di roccia: 
Calcare
Periodo: 
Primavera, estate, autunno
Attrezzatura e materiale: 

NDA, 2 corde da 60, utile un assortimento di dadi o friend per integrare, soste e tiri a spit.

 

 

Descrizione avvicinamento: 

Dai Resinelli proseguire fino a raggiungere l'ex rifugio Alippi, svoltare a destra, per una stretta strada sterrata, alla fine parcheggiare. Prendere il sentiero n. 9 per il rifugio Rosalba, arriverete alla base di un grosso torrione (sulla sinistra), il Torrione del Pertusio, nei pressi dello Spigolo Mir, a sinistra pochi metri fino alla base di diedrino, ben visibile, a circa 4 metri d'altezza, un chiodo con cordino.ecco qui attacca la via.

Descrizione itinerario: 
  • 1° tiro : salire il diedro fino al chiodo con cordino, traversare a destra in placca fino uno spigolino, risalirlo e poi si continua per placca lavorata in leggero obliquo a destra fino alla sosta. 25m, 6a,
  • 2° tiro : traverso a sinistra circa 3 metri ad un diedro da risalire fin sotto il tettino fessurato, passare a sinistra, poi si prosegue per una serie di grandi fessure fino in prossimità di uno spigolo, qui in obliquo a sinistra su bella placca fessurata fino alla sosta. 50m, 5c,
  • 3° tiro : salire in verticale, raggiunto lo spit traversare orizzontalmente a destra fino allo spigolo, risalirlo con l'aiuto di una fessura poi si continua per placchette ripide fino alla sosta. 55 m, 6a,

 

 

Discesa: 

Per la discesa due possibilita:1) breve cresta per raggiungere la vetta, scendere a destra (nord) per ripido canalino fino a ricongiungersi al Sentiero delle Foppe e, in breve, alla base del torrione.2) doppie sulla via, da S3 a S2 e da S2 a terra. Evitare Le calate se sono presenti altre cordate.

Primi salitori: 
Michele Mandelli e Stefano Gnecchi il 3 e 7 luglio 2009.
Ripetizione di: 
Giuseppe Milesi e Luigi Mauri del 26-06-2020